Infezioni da pacemaker usato a Bari involucro antibatterico riassorbibile

Tags: , , | 26th luglio, 2015

BOLOGNA – E’ stato utilizzato per la prima volta in assoluto in una clinica della Puglia un involucro antibatterico riassorbibile in nove settimane all’interno del quale vengono inseriti i Cied, cioè pacemaker e defibrillatori, e che rilascia antibiotico in modo costante per circa sette giorni, riducendo in tal modo le infezioni. Tyrx, questo il nome della retina, è stato utilizzato dall’equipe medica di Anthea Hospital (Bari), coordinata dal dottor Saverio Iacopino, direttore dell’unità elettrofisiologia e aritmologia di GVM Care & research; questa innovazione sarà usata anche in altre strutture della GVM (come Lecce, Bologna, Roma, Cotignola, Palermo, Torino, Firenze, Parigi e in Polonia).

“Il Tyrx – ha spiegato Iacopino – è destinato ad avere significativa rilevanza dal punto di vista economico, per l’abbattimento dei costi di trattamento, nonchè a rivoluzionare la strategia terapeutica rivolta a diminuire più che sensibilmente le complicanze di tipo infettivo all’atto dell’inserimento di nuovi pacemaker o nell’eventualità della loro sostituzione in caso di esaurimento della batteria. In America le assicurazioni non rimborsano il costo del device se lo specialista non impianta contestualmente la retina antibiotica”.

L’adozione del sacchetto sarà estesa a tutti gli ospedali e laboratori del network GVM “e ciò anche in assenza dell’intervento economico da parte del Servizio sanitario nazionale”, ha aggiunto il dottore. La retina costa circa mille euro, “ma le infezioni hanno un costo molto più alto, costo sociale, costo in mortalità e costo delle cure. Un’infezione costa infatti al Ssn una cifra che oscilla tra i 50mila e i 100mila euro ogni ricovero”.

Le infezioni Cied sono molto pericolose e possono essere anche letali. Questa retina, sviluppata negli Stati Uniti e da poco distribuita anche in Italia dall’impresa bolognese Trx Italy, è in grado di ridurre fin del 90% le infezioni con dei possibili risparmi per il sistema sanitario nazionale.